Loading...

TEST | Yamaha Transporter 800

test Yamaha Transporter 800

Formula vincente

Con la Transporter 600 Yamaha ha colpito nel segno tanto che per il 2021 metterà sul mercato una versione da 800 cc che sfrutta il motore bicilindrico 2T da 794 presente in line-up anche sulla Mountain Max

La versatilità è sicuramente il punto di forza della Transporter Yamaha, dal 2021 la Casa dei tre diapason metterà sul mercato due nuove versioni, la Lite e l’800.

A due anni dal lancio del modello 600 arriva quindi la versione da 165 hp, cavalli scatenati dal motore C-Tec2 da 794 cc sviluppato in simbiosi con Arctic Cat, dato l’ormai consolidato accordo tra i due costruttori. Questo contratto di collaborazione ha permesso a Yamaha di contenere i costi di progettazione e utilizzare motori 2T su parte della sua line-up: Transporter 800 è uno dei frutti di tutto questo.

L’accensione a controllo digitale e il sistema di iniezione elettronica di olio e carburante sono la peculiarità di questo bicilindrico che offre ottime prestazioni in tutte le condizioni. Ed è soprattutto nei tratti pianeggianti e collinari in neve fresca dove le…

test Yamaha Transporter 800
Yamaha Transporter 800
Il resto dell’articolo lo trovate su Motoslitte n°77 in edicola in allegato a Moto4 n°167 gennaio/febbraio o in digitale cliccando qui

Rispondi